mercoledì 26 aprile 2017

Meccanismo per collegare l'Europa: Bando da 800 milioni di euro per il settore energetico

La Commissione europea ha pubblicato un bando da 800 milioni di euro per progetti di interesse comune (PIC) nel quadro del Programma di lavoro 2017 del Meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility - CEF), in relazione al settore Energetico.

Cos'è il CEF (Connecting Europe Facility)?

Il Meccanismo per collegare l'Europa (Connecting Europe Facility, CEF) mira ad accelerare gli investimenti nel campo delle reti transeuropee e a stimolare gli investimenti sia pubblici che privati, aumentando nel contempo la certezza del diritto, nel rispetto del principio della neutralità tecnologica. L'MCE dovrebbe consentire di sfruttare al meglio le sinergie tra i settori dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell'energia, rafforzando in tal modo l'efficacia dell'intervento dell'Unione e permettendo un'ottimizzazione dei costi di realizzazione.
Le risorse a disposizione per il periodo 2014-2020 ammontano a oltre 33,2 miliardi di euro di cui:
  • oltre 26 miliardi di euro nel settore dei trasporti per migliorare i collegamenti transfrontalieri;
  • oltre 5,8 miliardi di euro nel settore dell'energia, al fine di modernizzare e ampliare le infrastrutture energetiche e  aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti;
  • circa un miliardo di euro per le telecomunicazioni, con l'obiettivo di sviluppare soprattutto le reti a banda larga ed i servizi digitali.

Cosa sono i Progetti di Interesse Comune (PIC)? 

L'ingente fabbisogno di investimenti nelle infrastrutture energetiche è alla base del regolamento proposto nel 2011 sugli orientamenti per le infrastrutture energetiche transeuropee (orientamenti TEN-E). Tali orientamenti istituiscono un quadro strategico per la visione di lungo periodo nel settore delle infrastrutture energetiche dell'UE e introducono il concetto di "progetto di interesse comune". Essi stabiliscono una serie di corridoi prioritari per le infrastrutture strategiche nei settori dell'energia elettrica, del gas e del petrolio e tre aree prioritarie di rilevanza unionale per infrastrutture quali le autostrade elettriche, le reti intelligenti e le reti di trasporto del biossido di carbonio.

Potranno accedere ai finanziamenti del bando CEF Energy 2017 i progetti che rientrano nella lista dei PIC individuati dalla Commissione Europea.

Per quanto riguarda l'Italia i progetti riguardano:
  • le interconnessioni con Austria, Francia, Malta, Montenegro, Slovenia e Svizzera,
  • l'aumento della capacità di trasmissione e il reverse flow tra Svizzera e Italia,
  • il gasdotto TAP, che dovrebbe portare in Italia il gas azero, passando per Grecia e Albania, con approdo in prossimità di San Foca, in provincia di Lecce,
  • il gasdotto Poseidon, che dovrebbe connettere Grecia e Italia, con approdo in prossimità di Otranto
  • il progetto TAL Plus, per l'espansione della capacità dell'oleodotto transalpino tra Trieste e Ingolstadt, in Germania.

Nessun commento: