lunedì 22 maggio 2017

Commissione europea e BCE scoprono le carte: il motore di tutto sono i cittadini che consumano e contraggono debiti!!

Il 19 maggio scorso si è tenuta a Bruxelles la Conferenza annuale tra Commissione europea e Banca Centrale Europea sull' integrazione e la stabilità del settore finanziario. Impressionanti le conclusioni fornite nella "Relazione sulla revisione in materia di stabilità e integrazione finanziarie in Europa (EFSIR)" pubblicata dalla Commissione europea in concomitanza con l'evento.

La Relazione, che da un lato pare evidenzi "una tendenza positiva della ripresa dell’economia europea", dall'altro individua i consumi dei privati come "principale motore della crescita". Ma non basta. La spinta al consumo sarebbe sostenuta "da un aumento del credito bancario" e da un "quadro di regolamentazione e vigilanza migliorato". 
Ossia: 
1) Senza consumo è la fine!;  
2) più le famiglie si indebitano per consumare e meglio è; 
3) Se sgarrano e non restituiscono il credito con gli interessi sarà più facile pignorare. 
La relazione rileva inoltre che, sebbene permangano "alcune difficoltà" (che ben conosciamo e che, in ogni caso, saremo chiamati noi a risolvere) le banche dell’UE "sono molto più stabili che in passato: sono meglio capitalizzate e hanno modelli d’impresa più solidi". Si ammette, in pratica, che sinora l'intero sistema era governato dall'instabilità!
La relazione completa e un comunicato stampa sono disponibili online. Il programma della conferenza è disponibile qui e l’evento è trasmesso in web streaming qui.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi qui il tuo commento